Perdersi in un Labeerinto di birre


♥ Wine LaBeerinto





Dopo la recente inaugurazione, lo staff di Loveat-Italy si è recato presso LaBeerinto, il nuovo BeerShop di Lucca, a S.Anna, sulla via Pisana al numero 887.

Appena entrati la sensazione è molto positiva. L'ambiente ha un giusto dosaggio di componibilità geometrica svedese e bricolage amatoriale. Il regno della brugola e il principato di Geppetto si sono incontrati. Il primo ha donato l'asettica precisione di montanti e scaffali, il secondo le antine artigianali, tanto pratiche, quanto brutali. Il tutto fornisce allo Shop la giusta ruvidezza che si richiede ad un mastro birraio.

Pertanto dopo il primo positivo impatto non possiamo esimerci dal fare i complimenti a Gil e Simone, i titolari del punto vendita, che ben volentieri ci raccontano qualcosa del loro locale.

Hanno scelto di partire con 162 varietà di birra. Un numero elevato per chi è abituato allo scaffale grigio della grande distribuzione, ma qua troviamo due suggeritori esperti che sanno consigliare gusti, sapori e abbinamenti gastronomici. Cosa che è facilmente intuibile, ancor prima di varcar la soglia, grazie al librone di ricette che campeggia in vetrina.


Appena dentro sulla destra, si trova uno specchio, che domina uno degli angoli del locale, con Omar Simpson, il grande bevitore della Yellow Family. La sua birra, la Duff,  occupa mezzo scaffale, e si difende da una moltitudine di qualità europee, che ben conosce chi ama viaggiare.

Perché diciamocelo, nonostante la globalizzazione, trovare alcune birre, che pure vendono tantissimo nel vecchio continente non è mai stato molto semplice in Italia.

Labeerinto però sa accontentare anche gli amanti delle birre ordinarie estere. Chi predilige le scozzesi o le irlandesi, ad esempio, qua può trovare diverse qualità di Tennents e Guinnes e non le sole varietà più alte in gradazione.

Per chi invece predilige il genere "del muratore" o "da pizza" può trovare anche qualche birretta senza manie di grandezza. Di quelle da 2 euro o meno per intenderci.

Non manca lo scaffale delle produzioni nazionali con una sezione di prodotti locali, la Bruton di Ponte a Moriano, ad esempio e poi le birre senza glutine, quelle biologiche e tanta altre varietà.

Su tutte domina un'ampia selezione da intenditori da provare dopo aver chiesto lumi ai due competenti imprenditori. Fiore all'occhiello del locale è, e resterà a lungo, la Deus. Un'ottima varietà spumeggiante, rifermentata  in bottiglia con il metodo champenoise. Costa 20 euro, ma li vale tutti. 

Che altro aggiungere. 
Vi manca il bicchiere adatto? Qua c'è.
Vi manca la t-shirt intonata? Qua c'è.
Vi manca qualcosa da "sgranocchiare"? Qua c'è.
Vi manca una birra fredda, perché siete in ritardo e non avevate pensato che prima di metterla in tavola doveva permanere in frigo almeno un paio d'ore e invece avete solo 5 minuti? Qua c'è.

A questo punto non vi manca che recarvi presso il punto vendita e salutarci i proprietari. 

Buona birra da Loveat!



Post popolari in questo blog

Auguri da viaggiatore a viaggiatori

Madrid: chi nasce quadrato non muore tondo

Dite tutti "Cheeeeeseeeee"!